Chiacchierata con Gianfranco Falcone::Segui il suo viaggio in carrozzina::sul blog dell’Espresso…un diario per recuperare spazi e riconquistarli.

Un viaggio senza barriere mentali


La mia idea non è nulla di così passionale, vorrei recuperare spazi e conquistarli. Non sarei andato in vacanza.Tu quando esci, vai a far la spesa, vai in un negozio, in un bar, quanti disabili vedi tra i 15 ed i 55 anni? non ne vedi, sono come mosche bianche.I disabili in Italia sono ca 5 milioni, deve esserci qualcosa che porta il disabile ad autocensurarsi specialmente in grandi città. In Italia non esiste un regolamento nazionale sulle barriere architettoniche. Ogni realtà locale ha le sue normative. A volte hai difficoltà ad entrare in esercizi pubblici di prima necessità.


Abbiamo avuto l’ onore di fare due parole con Gianfranco Falcone che ci ha spiegato meglio cosa vuol dire viaggiare in carrozzina. Il viaggio con il suo amico Francesco a molti di noi sembrerà scontato , quanto pensare che possa essere una vacanza normale e che la nostra società sia fantasticamente preparata. Negozi con pedane e con bottoni di chiamata, autobus che si fermano vicino alle pensiline e con un click esce un mini lift per andare a bordo, treni che dividono due cittadine che in un secondo si trasformano in friendly hause, personale che aiuta chi, per solo difficoltà fisiche, è costretto a chiedere aiuto, anche più volte al giorno. Tutto perfetto, siamo nel 2019 . Invece non è così, ciò che noi diamo per scontato non lo è, e non rispecchia la realtà, come l’ attività sessuale. Insomma un capovolto, un paradosso sociale con la complicità bigotta, ignorante di tutti. Me compreso.


Got my heart, got my soul 
Ho le spalle, ho il sesso
Got my back, I got my sex
Ho le braccia, le mani 
I got my arms, got my hands 
Ho le dita, ho le gambe 
Got my fingers, got my legs 
Ho i piedi, ho le dita dei piedi 
Got my feet, got my toes 
Ho il fegato, ho il sangue
Got my liver, got my blood
Ho la vita, ho la mia libertà 
I’ve got life, I’ve got my freedom 
Ho la vita 
I’ve got life 

E’ la canzone che scandisce i miei ultimi anni…


Immaginate voi ad alcune persone con le sue stesse problematiche cosa passa per la testa, quante volte non hanno chiesto aiuto? quante volte si sentono isolati? Vero anche che noi cittadini qualsiasi cerchiamo in qualche modo di diminuire il gap presente, ma non basta.


La popolazione Europea sta invecchiando, avremo tra poco molti 80 enni e pochi giovani, è inevitabile che si debba affrontare un cambiamento strutturale, educativo e culturale. Io ed un gruppo di amici abbiamo creato Abbatti le Barriere ed andremo per i negozi delle nostre città a stilare delle recensioni con il rilascio di un adesivo, da applicare alla vetrina, che certifica la compatibilità al 100% rispetto al problema, una premiazione a fine anno ed il tutto in chiave collaborativa, mai polemica.

Caro Gianfranco Buon Viaggio e fai tante foto ma soprattutto divertiti e bevi una birra alla nostra salute….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.